0 0,00

Cart

No products in the cart.

Once in a Lifetime

I Talking Heads sono uno dei frutti meno incasellabili dell’ambiente del CBGB’s e in generale della New Wave. Sul finire degli anni Settanta pubblicano tre dischi colmi di canzoni non convenzionali, stralunate, aspre (soprattutto nel cantato) e insieme melodiche, con titoli e testi decisamente originali e in stretta connessione con la musica. Si pensi a “Psycho Killer”, “Don’t Worry About the Government”, “The Girls Want to Be with the Girls”…

A partire dal secondo LP il produttore (insieme al gruppo) è Brian Eno, che trova una particolare sintonia con il leader, David Byrne. I due, nel corso del 1980, lavorano a un singolare album (“My Life in the Bush of Ghosts”) scoprendo «musica laddove non dovrebbe esserci» (le parti vocali sono campionamenti provenienti dalle più diverse fonti, da programmi radiofonici a esorcismi…).

Nello stesso anno esce il capolavoro della band: “Remain in Light”. Oltre a Eno, altri ospiti eccellenti sono il chitarrista Adrian Belew, il trombettista Jon Hassell e la cantante Nona Hendryx.

Il disco è molto innovativo: nelle liriche troviamo frammenti di Rap, estratti di conversazioni, flusso di coscienza; sul fronte musicale convivono ritmi e sonorità africane, Funky, elettroniche, sperimentali. Grazie all’ispirazione di Fela Kuti, si sfiorano mondi lontani. Byrne è interessato a sviluppare il concetto musicale africano di «parti e ritmi interdipendenti che si combinano creando un insieme coerente». Siamo agli albori di quella che verrà chiamata “World Music”, di cui Peter Gabriel e il Paul Simon di “Graceland” saranno portavoce.

L’intento comunque è puramente Rock: indagare tramite parole e note un mondo che sfugge sempre più alla comprensione, come se fosse appena uscito dalla catastrofe della torre di Babele. Dopo uno straordinario lato A in cui la velocità aumenta pezzo dopo pezzo, arriva “Once in a Lifetime”, in cui il protagonista ha un momento di lucidità, mentre la vita scorre come al solito, e si pone le domande fondamentali: «Come sono arrivato fin qui?»; «Dove porta l’autostrada che sto percorrendo?».

Ascoltato per voi da
Leonardo M. Eva


“Once in a Lifetime”

Talking Heads
Remain in Light
1980

Potresti essere interessato a

Vuoi essere aggiornato sulle promozioni attive, le ultime novità editoriali e gli eventi in libreria?
Compila il form e riceverai le nostre news