0 0,00

Cart

No products in the cart.

Personality Crisis

Gli anni Sessanta stanno ormai diventando i Settanta e all’interno del Rock si sviluppano nuovi generi.

Tra l’aprile 1972 e l’agosto 1973, quando crollerà (!), al Mercer Arts Center di New York suona spesso una band che si fa notare non tanto per la perizia tecnica, quanto per l’atteggiamento teatrale e impertinente e per i vestiti eccentrici e scintillanti (soprattutto nel caso del cantante David Johansen). Si tratta dei New York Dolls, che sulla copertina dell’omonimo primo LP compaiono con acconciature e abiti femminili.

Sono parte di quella corrente chiamata Glam Rock (“glamorous” significa “affascinante, sofisticato”), che in Inghilterra è vivace già da un paio di anni, grazie a Marc Bolan (nella sua fase coi T.Rex) e a David Bowie (da “The Man Who Sold the World” in avanti), a cui seguiranno, tra gli altri, i Roxy Music del periodo con Brian Eno.

Dal punto di vista musicale questo filone è eterogeneo: molte ballate con chitarra elettrica e talvolta pianoforte in evidenza; qualche melodia Pop; spesso l’energia dell’Hard Rock; in contrapposizione con le lunghe e complesse composizioni del Progressive (che però in alcuni casi fanno capolino) un ritorno al Rock’n’Roll delle origini.

Quest’ultimo aspetto vale in special modo per le canzoni di Johansen e compagni. Ma Robert Christgau ha sottolineato che «la gioia nel Rock’n’Roll dei Dolls era letteralmente dolorosa; doveva essere conquistata … Che la loro musica fosse coscientemente primitiva era ovvio; ciò che non lo era affatto era che fosse anche difficile», dura da ascoltare, come uno stridio sui binari della metropolitana. Decisivo il fatto di provenire dalla Grande Mela: le loro canzoni costituivano «una tattica di sopravvivenza e un certo tipo di vittoria». La musica ispirata agli anni Cinquanta veicola contenuti per niente spensierati, come nella canzone più nota (“Personality Crisis”), che descrive una persona che sta cercando di affrontare la propria schizofrenia, tenta di reinventarsi ma è sempre sull’orlo della frustrazione e dell’angoscia.

Ascoltato per voi da
Leonardo M. Eva


Personality Crisis

New York Dolls
New York Dolls
1973

Potresti essere interessato a